sabato 27 giugno 2009

Sabato 27 Giugno 2009

Notizie Giuridiche dalla Rete


Abuso d ufficio: art 323 c p
Fonte: Overlex, Notizie Giuridiche

Cassazione: contratto di appalto di servizi - controversia concernente la revisione dei prezzi - applicabilita' dell'art 244 del d lgs n 163 del 2006
Fonte: Corte di Cassazione, Sezioni Unite
Ordinanza n 13892 del 15/06/2009

Cassazione: giurisdizione - atti amministrativi in violazione o elusione del giudicato - domanda di nullita' - giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo
Fonte: Corte di Cassazione, Sezioni Unite
Ordinanza n 13896 del 15/06/2009

Cassazione: marito costringe la moglie a troppo sesso? E` violenza carnale
Fonte: Studio Cataldi, Diritto Civile
Un marito sessualmente esuberante deve fare molta attenzione perchè se costringe la moglie controvoglia a fare troppo sesso commette violenza sessuale E non importa che lei abbia detto esplicitamente no Basta un gesto per far capire che lei non lo …

Cassazione: tributi - statuto del contribuente - rimborso delle fideiussioni chieste dal contribuente - art 8, comma 4, della legge n 212 del 2000 - diritto al rimborso anche per periodi di imposta precedenti al momento dell'entrata in vigore
Fonte: Corte di Cassazione, Sezioni Semplici
Sentenza n 14024 del 17/06/2009

Corte Costituzionale: Ordinanza n 185 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Imposte e tasse - Agevolazioni tributarie - Contributo per investimenti in aree svantaggiate nella forma di credito di imposta - Decadenza dal contributo conseguito per inottemperanza dell'obbligo di trasmissione di dati occorrenti per la ricognizione degli investimenti realizzati per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE riuniti i giudizi, dichiara la manifesta infondatezza delle questioni di legittimità costituzionale dell'art 62, comma 1, lettera a), della legge 27 dicembre 2002, n 289 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2003), sollevate, in riferimento agli artt 3 e 97 della Costituzione, dalla Commissione tributaria provinciale di Cagliari con le ordinanze indicate in epigrafe Cosí deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Franco GALLO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 186 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Ambiente - Norme della Regione Siciliana - Prelievo venatorio - Norme di controllo del sovrappopolamento di fauna selvatica o inselvatichita in aree naturali protette - Introduzione di una serie diversificata di casi per i quali è ammissibile il ricorso ai piani selettivi di cattura e/o abbattimento - Lamentato contrasto con l'art 22, comma 6, della legge n 394 del 1991 che limita la possibilità dei prelievi e/o abbattimenti esclusivamente per la superiore esigenza di ricomporre gli equilibri ecologici all'interno delle aree protette, esorbitanza dalla competenza in materia di caccia e tutela del paesaggio attribuita dallo Statuto speciale alla Regione Siciliana, contrasto con la ratio della legge istitutiva dei parchi, contrasto con le norme a tutela degli animali domestici e con le norme in materia di polizia veterinaria, interferenza in materia penale; Commercializzazione della fauna abbattuta o catturata - Lamentato contrasto con l'art 1 della legge 1992, n 157, che riconosce la fauna selvatica patrimonio indisponibile dello Stato, interferenza in materia penale per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara cessata la materia del contendere in ordine al ricorso in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Paolo MADDALENA, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 187 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Circolazione stradale - Sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida in conseguenza della commissione del reato di guida sotto l'influenza dell'alcool ovvero del rifiuto di sottoporsi ad accertamento del tasso alcolemico, depenalizzato dal decreto-legge n 117 del 2007 - Accertamento dello stato di ebbrezza mediante etilometro - Opposizione avverso provvedimento prefettizio di sospensione provvisoria della validità della patente di guida per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE riuniti i giudizi, dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 186, comma 7, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n 285 (Nuovo codice della strada), come sostituito dall'art 5 del decreto-legge 3 agosto 2007, n 117 (Disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione), convertito, con modificazioni, dalla legge 2 ottobre 2007, n 160 (Conversione in legge, con modificazioni, del D L 3 agosto 2007, n 117, recante disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione), sollevata, in riferimento all'art 3 della Costituzione, dal Giudice di pace di Morbegno, con le ordinanze indicate in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Alfio FINOCCHIARO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 188 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Parlamento - Immunità parlamentari - Procedimento penale per il reato di diffamazione aggravata a mezzo della stampa a carico dell'on Vittorio Sgarbi per le opinioni espresse nei confronti dei magistrati Elvira Castelluzzo e Angelica Di Giovanni - Deliberazione di insindacabilità della Camera dei deputati per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara improcedibile il ricorso per conflitto di attribuzione fra poteri dello Stato proposto dal Tribunale di Monza, sezione distaccata di Desio, nei confronti della Camera dei deputati ed indicato in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Franco GALLO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 189 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Sanità pubblica - Norme della Regione Valle d'Aosta - Organizzazione del sistema regionale di emergenza-urgenza sanitaria - Inquadramento nei ruoli della dirigenza medica dei medici convenzionati per l'emergenza sanitaria territoriale titolari di incarico a tempo indeterminato in servizio alla data di entrata in vigore della legge regionale n 4/2008 - Lamentata protrazione dell'efficacia della norma transitoria contenuta nell'art 8, comma 1-bis del d lgs n 502 del 1992, che consentiva l'inquadramento dei soli medici in servizio alla data di entrata in vigore del d lgs n 229 del 1999 - Lamentato contrasto con l'art 1, comma 565 della legge n 296 del 2006, contenente l'obiettivo del contenimento della spesa per il personale; Personale tecnico specializzato operante nell'attività di soccorso e di trasporto degli infermi - Individuazione e disciplina della figura dell' "autista soccorritore" e delle connesse "attività di autista di ambulanza ed automedica e di soccorritore" - Lamentata autorizzazione a svolgere attività a carattere sanitario, con individuazione di fatto di una nuova professione sanitaria per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara estinto il processo Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Ugo DE SIERVO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 190 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Circolazione stradale - Guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti - Rifiuto di sottoporsi ad accertamenti tesi a verificare la presenza di sostanze stupefacenti o psicotrope - Ricorso in opposizione avverso il verbale di contestazione della violazione di cui all'art 187, comma 8, cod strada e la successiva ordinanza prefettizia di sospensione della patente di guida - Sanzionabilità del rifiuto di sottoporsi ad accertamenti - Omessa indicazione dei casi e dei modi in cui la libertà personale del conducente può essere legittimamente compressa - Mancata previsione di un controllo giurisdizionale - Omessa esclusione della responsabilità solidale del proprietario dell'autovettura per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale degli articoli 187, comma 8, e 196, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n 285 (Nuovo codice della strada), sollevate, in riferimento agli articoli 3, 13, 24 e 27 della Costituzione, dal Giudice di pace di Pontassieve, con l'ordinanza in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Alfio FINOCCHIARO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 191 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Responsabilità civile - Risarcimento del danno derivante da sinistro stradale - Azione proposta dal terzo trasportato nei confronti del vettore e della compagnia di assicurazione del veicolo su cui era a bordo al momento del sinistro - Disciplina dell'azione diretta del danneggiato terzo trasportato nei confronti della compagnia di assicurazione del detto veicolo - Omessa previsione dell'accertamento di responsabilità del vettore nella produzione del sinistro - Ritenuta preclusione della possibilità di esercitare la pretesa risarcitoria nei confronti del responsabile civile e della relativa compagnia di assicurazione - Incidenza sul diritto di difesa della compagnia di assicurazione del vettore per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE riuniti i giudizi, dichiara la manifesta inammissibilità delle questioni di legittimità costituzionale degli articoli 141 e 149 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n 209 (Codice delle assicurazioni private), sollevate, in riferimento agli articoli 24 e 76 della Costituzione, dal Giudice di pace di Macerata e dal Giudice di pace di Milano, e da quest'ultimo anche in riferimento all'art 3 della Costituzione, con le ordinanze indicate in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Alfio FINOCCHIARO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 192 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Procedimento civile - Impugnazioni - Appellabilità delle sentenze rese nei giudizi di opposizione ad ordinanza ingiunzione di cui agli artt 22 e ss della legge n 689 del 1981 - Previsione introdotta dal decreto legislativo n 40 del 2006 - Estraneità all'oggetto della delega conferita al Governo per apportare modifiche al codice di procedura civile e concernente la disciplina del processo di cassazione e dell'arbitrato PER QUESTI MOTIVI LA CORTE COSTITUZIONALE riuniti i giudizi, dichiara la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell'art 26, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 2 febbraio 2006, n 40 (Modifiche al codice di procedura civile in materia di processo di cassazione in funzione nomofilattica e di arbitrato, a norma dell'articolo 1, comma 2, della legge 14 maggio 2005, n 80), sollevata, in riferimento agli artt 76 e 77, primo comma, della Costituzione, ed in relazione all'art 1, commi 2, 3 e 4, della legge 14 maggio 2005, n 80 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 marzo 2005, n 35, recante disposizioni urgenti nell'ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale Deleghe al Governo per la modifica del codice di procedura civile in materia di processo di cassazione e di arbitrato nonché per la riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali), dal Tribunale ordinario di Pisa, sezione distaccata di Pontedera, e dal Tribunale ordinario di Reggio Emilia, con le ordinanze indicate in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Giuseppe TESAURO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Sentenza n 183 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Previdenza - Pensioni erogate dall'Ente nazionale di assistenza per gli agenti e rappresentanti di commercio (ENASARCO) - Impignorabilità assoluta - Omessa previsione dell'impignorabilità, con le eccezioni previste per i crediti qualificati, della sola quota necessaria per le esigenze di vita del pensionato e della pignorabilità della restante parte nel limite del quinto PER QUESTI MOTIVI LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art 28, primo comma, della legge 2 febbraio 1973, n 12 (Natura e compiti dell'Ente nazionale di assistenza per gli agenti e rappresentanti di commercio e riordinamento del trattamento pensionistico integrativo a favore degli agenti e rappresentanti di commercio), nella parte in cui esclude la pignorabilità per ogni credito dell'intero ammontare delle pensioni erogate dell'Ente nazionale di assistenza per gli agenti e rappresentanti del quinto della residua parte Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Paolo GROSSI, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il CancelliereF to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Sentenza n 184 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Processo penale - Giudizio abbreviato - Utilizzabilità, ai fini della decisione sul merito dell'imputazione, degli atti di investigazione difensiva a contenuto dichiarativo, unilateralmente assunti, in assenza di situazioni riconducibili ai paradigmi di deroga al contraddittorio dettati dall'art 111, comma quinto, Cost per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art 442, comma 1-bis, del codice di procedura penale, richiamato dall'art 556, comma 1 , del medesimo codice, sollevata, in riferimento agli artt 3 e 111, secondo e quarto comma, della Costituzione, dal Tribunale di Fermo con l'ordinanza indicata in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 22 giugno 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Giuseppe FRIGO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 26 giugno 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Esecuzione presso terzi contro Ente pubblico, reclamo, sospensione
Fonte: IusSiT, Informazione Giuridica
Tribunale di Avellino, ordinanza del 20 maggio 2008

Il periodo di prova va computato secondo i giorni di effettivo lavoro
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Cassazione civile , sez lavoro, sentenza 20 03 2009 n° 6915 (Luigi Risolo )

La pregiudiziale amministrativa
Fonte: Overlex, Notizie Giuridiche

Legge Pinto: il criterio di calcolo è conforme a Costituzione
Fonte: Studio Di Ruggiero, Notizie Giuridiche
E' manifestamente infondata la questione di costituzionalità dell'art 2, comma 3, lettera a), L n 89/01 (cd legge Pinto), secondo cui, ai fini dell'equa riparazione, rileva soltanto il danno riferibile al periodo eccedente il termine di ragionevole durata (contrariamente al consolidato orientamento della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo per cui la quantificazione va effettuata in

Maggiorazioni ex art 27 L 689/81, violazione cds, illegittimità
Fonte: IusSiT, Informazione Giuridica
Giudice di Pace di Roma, sentenza del 17 dicembre 2008

Marchio comunitario Carattere distintivo acquisito in seguito all'uso ­ Uso successivo al deposito della domanda di registrazione
Fonte: La Previdenza, Notizie
Cgce, Sentenza 11 6 2009 C-542/07

Pec e identità elettronica: concetti assolutamente diversi
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Articolo di Nicola Fabiano 02 07 2009

Pretende troppo sesso dalla moglie condannato per violenza sessuale
Fonte: Studio Legale Mei e Calcaterra, Notizie Giuridiche
La Cassazione ribadisce che non esiste un diritto all'amplesso e conferma la reclusione del marito a sei anni e quattro mesi ROMA - Commette violenza sessuale e maltrattamenti il marito che costringe la moglie 'a subire rapporti sessuali plurimi' anche quando la donna non ne ha assolutamente desiderio A dirlo è una sentenza della Corte di

Professionisti più liberidai controlli antiriciclaggio
Fonte: Il Sole 24 Ore, Norme e Tributi
Professionisti più liberi I controlli antiriciclaggio diventeranno più leggeri per i professionisti, ma si allargheranno alle associazioni di categoria di i…

Roma protagonista internazionalizzazione e sviluppo
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Convegno in Roma 02 07 2009

Una semplice ricetta del medico curante per gli oppioidi
Fonte: La Previdenza, Notizie
Ministero del Lavoro, Ordinanza 16 6 2009

Vanno rivisti i criteri liquidatori del danno alla persona
Fonte: Overlex, Sentenze