martedì 9 giugno 2009

Martedi 9 Giugno 2009

Notizie Giuridiche dalla Rete


Anche all'interdetto va risarcita l'irragionevole durata del processo
Fonte: Studio Di Ruggiero, Notizie Giuridiche
Anche l'interdetto, che sia parte del processo, ha diritto al risarcimento del danno non patrimoniale per la lesione del diritto alla ragionevole durata del processo Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (sent n 10412/09), per cui la risarcibilità del danno in parola prescinde da ogni riferimento alla sussistenza di un 'dolore emozionale' ma rileva nella sua […]

Antitrust: dal Cnf un documento a difesa della professione
Fonte: Consiglio Nazionale Forense, Aggiornamenti

Autovelox, legittima la postazione fissa nel centro urbano
Fonte: Il Sole 24 Ore, Diritto e Società
Il rilevamento della velocità a mezzo di apparecchiature elettroniche può aver luogo su ogni tipo di strada, e dunque anche nei ce…

Avvocatura: ora che la riforma della giustizia è approvata, si faccia quella forense
Fonte: Consiglio Nazionale Forense, Aggiornamenti

Cassazione penale: ordinamento penitenziario - limitazioni della stampa e controllo della corrispondenza - potere di proposta del direttore dell'istituto
Fonte: Corte di Cassazione, Penale Sezioni Semplici
Sentenza n 22074 ud 14/05/2009 - deposito del 27/05/2009

Cassazione: avvocato fa perdere al cliente il diritto di impugnare? No al risarcimento del danno
Fonte: Studio Cataldi, Novità Sentenze
La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent n 12354/2009) ha stabilito che il cliente non ha diritto al risarcimento del danno per perdita di chance, se l'avvocato non ha fatto i passi giusti per proseguire la causa, facendogli perder…

Cassazione: avvocato può imputare compensi attività di arbitro all'associazione professionale
Fonte: Studio Cataldi, Novità Sentenze
Con la sentenza n 12777, depositata l'1 giugno 2009, la sezione tributaria della Corte di cassazione ha stabilito che il professionista di uno studio può imputare legittimamente i compensi che derivano dalla sua attività di arbitro all'associazione …

Cassazione: se dipendente finisce in carcere no a licenziamento
Fonte: Studio Legale Andreani, Sentenze della Cassazione
Sentenza n 12721/2009 - Non va incontro a un licenziamento il dipendente che finisce in carcere per fatti estranei al rapporto di lavoro se l'azienda ha i mezzi necessari per far fronte ai cambiamenti organizzativi conseguenti alla sua assenza senza ricorrere a nuove assunzioni… Questo, però, solo se l'azienda datrice di lavoro - From: www primadanoi it - Indexed by avvocatoandreani it on del icio us

Design registration in Indonesia and in EU: a short comparison between Italian and European legislation and Indonesian system
Fonte: Overlex, Notizie Giuridiche

Giornalismo: vietato diffondere dati che identificano le vittime di violenza sessuale
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Garante Privacy , provvedimento 02 04 2009

Il lavoro straordinario dei dipendenti pubblici deve essere sempre autorizzato
Fonte: La Previdenza, Notizie
Consiglio di Stato, sezione V, 4 giugno 2009, n 3460 - dott Gesuele Bellini

Illecita la condizione di matrimonio apposta alla disposizione testamentaria
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Cassazione civile , sez II, sentenza 15 04 2009 n° 8941 (Clorinda Di Franco )

La responsabilita' civile nello sport
Fonte: Overlex, Notizie Giuridiche

L'anatocismo Dopo la Delibera Cicr del 9/2/00: Fatta la Pentola, il Diavolo C'e' Cascato Dentro
Fonte: Iusreporter, Notizie Giuridiche

Maltrattamenti in famiglia: la provenienza da un altro paese non è un'attenuante
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Cassazione penale , sez VI, sentenza 29 05 2009 n° 22700 (Giacomina Dingeo )

Nessuna comunicazione preventiva per i lavoratori italiani assunti all'estero
Fonte: Il Sole 24 Ore, Lavoro e Previdenza
La Confindustria ha presentato richiesta di interpello per conoscere il parere in merito alla sussistenza dell'obbligo, da parte d…

Nuova riforma del codice di procedura civile: il rifiuto ingiustificato della proposta conciliativa comporta il pagamento delle spese processuali
Fonte: La Previdenza, Notizie
Avv Valter Marchetti - Foro di Savona

Processo amministrativo: dimezzamento dei termini anche per i motivi aggiunti
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Consiglio di Stato , sez V, decisione 07 04 2009 n° 2149 (Francesco Logiudice )

Rifiuti Emergenza rifiuti in Campania e poteri d'urgenza del sindaco
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
TAR Campania (NA) Sez V sent 2689 del 18 maggio 2009 Rifiuti Emergenza rifiuti in Campania e poteri d'urgenza del sindaco Nella Regione Campania l'esercizio dei poteri d'urgenza da parte del sindaco deve "combinarsi" con quelle proprie e prevalenti del Sottosegretario all'Emergenza Rifiuti in Campania, organo cui la norma ha demandato il compito di gestire la fase transitoria a decorrere dalla liquidazione del Commissario Straordinario alla cessazione dello stato di emergenza, fissato al 31 12 2009 Sottosegretario che, a tal fine, il medesimo decreto autorizza a derogare proprio agli a 50 e 54 del dlgs 267/2000

Rifiuti Fango e limo
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Cass Sez III n 22468 del 29 maggio 2009 (Ud 29 gen 2009) Pres Onorato Est Mulliri Ric Pichler Rifiuti Fango e limo Sentenza in tema di fango e limo con riferimento alla natura di rifiuto, sottoprodotto e all'applicabilità della normativa sulla tutela delle acque

Rilevabile d'ufficio la natura abusiva di una clausola inclusa in un contratto concluso tra un consumatore e un professionista
Fonte: Miolegale, Notizie
Corte di Giustizia CE, 4 giugno 2009, C 243-08

Sicurezza pubblica: legittima l'ordinanza sindacale che impone al gestore di un locale l'adozione di misure positive a tutela della pubblica incolumità e dell'ordine pubblico all'esterno del locale medesimo
Fonte: EIUS, Giurisprudenza
TAR Piemonte, sezione II, 15 maggio 2009, n 1420 - E' legittima l'ordinanza sindacale che impone al gestore di un pubblico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande di adottare una serie di misure positive a tutela della pubblica incolumità e dell'ordine pubblico nell'area circostante l'esercizio medesimo (nella specie: dotare l'esercizio di "personale esterno, visibile ed identificabile come appartenente al locale, incaricato di invitare gli avventori a cessare condotte contrarie alla civile convivenza e ad allontanarsi dal locale avvertendo che, in caso contrario, sarà richiesto l'intervento delle Forze dell'ordine"; "utilizzare esclusivamente contenitori in plastica per le bevande, sia per la vendita da asporto che per la somministrazione ai tavoli, evitando assolutamente di consegnare al cliente bottiglie o bicchieri di vetro, lattine chiuse, bottiglie in plastica munite di tappo"; "garantire per tutto l'orario di apertura dell'esercizio la piena funzionalità e fruibilità dei servizi igienici a tutti coloro che ne avessero necessità"; "posizionare all'esterno dell'esercizio contenitori per i rifiuti in numero e capacità sufficienti, garantendo in ogni caso il mantenimento della pulizia e del decoro dell'area circostante l'esercizio medesimo")

Transito di TIR in territorio comunitario Infrazione o irregolarità in atto di trasporto con accompagnamento di carnet TIR
Fonte: La Previdenza, Notizie
Cgce, Sentenza 14 5 2009 C-161/08

Un assegno di mantenimento troppo alto non è diseducativo per i figli
Fonte: Miolegale, Notizie
Cassazione civile, sez I, 19 maggio 2009, n 11538

Urbanistica Parametri edilizi
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
TAR Puglia (LE) Sez I n 766 del 23 aprile 2009 Urbanistica Parametri edilizi Va condiviso l'orientamento interpretativo (ormai assolutamente prevalente in giurisprudenza) che ha richiamato con forza la necessità di applicare in maniera congiunta agli interventi di nuova edificazione da realizzarsi fuori dal perimetro dei centri abitati privi di strumentazione urbanistica i due parametri edilizi (densità massima fondiaria di 0,03 metri cubi per metro quadro; in caso di interventi a destinazione produttiva, rapporto di copertura non superiore ad un decimo dell'area di proprietà) previsti dall'art 9, 1° comma lett b) del d p r 6 giugno 2001 n 380

Urbanistica Responsabilità del direttore lavori
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Cass Sez III n 23198 del 4 giugno 2009 (Ud 17 mar 2009) Pres Lupo Est Fiale Ric Colucelli ed altro Urbanistica Responsabilità del direttore lavori Il direttore dei lavori è penalmente responsabile per l'attività edificatoria non conforme alle prescrizioni della concessione edilizia L'art 6, 2° comma, della legge n 47/1985 ed attualmente l'art 29, 2° comma, del T U n 380/2001 esonerano lo stesso professionista da tale responsabilità qualora egli: -abbia contestato al titolare del permesso di costruire, al committente ed al costruttore la violazione delle prescrizioni del provvedimento amministrativo; -abbia fornito contemporaneamente all'Amministrazione comunale motivata comunicazione della violazione stessa -e, nelle ipotesi di totale difformità o di variazione essenziale, abbia altresì rinunziato contestualmente all' incarico Il recesso tempestivo dalla direzione dei lavori, in ogni caso, deve ritenersi pienamente scriminante per il professionista e la 'tempestività' ricorre quando il recesso intervenga non appena l'illecito edilizio obiettivamente si profili, ovvero appena il direttore dei lavori abbia avuto conoscenza che le corrette direttive da lui impartite siano state disattese o violate Il direttore dei lavori è responsabile, invece, nei casi di irregolare vigilanza sull'esecuzione delle opere edilizie, avendo egli l'obbligo di sovrintendere con necessaria continuità a quelle opere della cui esecuzione ha assunto la responsabilità tecnica

Urbanistica Sequestro immobile abusivo ultimato
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Cass Sez III n 22442 del 28 maggio 2009 (Cc 16 apr 2009) Pres Altieri Est Squassoni Ric Aprovitola Urbanistica Sequestro immobile abusivo ultimato In materia di sequestro preventivo di immobile abusivo ultimato, secondo quanto asserito dalle Sezioni Unite con sentenza n°2/2003, pur ad edificazione ultimata, la libera disponibilità del bene non è sempre un elemento neutro sotto il profilo della offensività perché può fare proseguire nel tempo ed aggravare in intensità le ricadute negative del già commesso reato; sul tema, il Giudice deve determinare in concreto se il libero godimento del manufatto possa determinare una ulteriore lesione del bene protetto L'aggravio del carico urbanistico che le unità ad uso abitativo possono determinare risulta adeguatamente dimostrato quando l'illegittimo complesso immobiliare è di rilevante entità e gli appartamenti risultano arredati (uno già abitato) e si prospetta un loro possibile utilizzo

Vendite allo scoperto: divieto prorogato, con modifiche, fino al 31 luglio 2009
Fonte: Miolegale, Notizie
La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob) ha …