venerdì 6 marzo 2009

Venerdi 6 Marzo 2009

Notizie Giuridiche dalla Rete


Aria Emissioni di calore e art 674 c p
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Cass Sez III n 9853 del 4 marzo 2009 (Ud 29 gen 2009) Pres Onorato Est Lombardi Ric Festa Aria Emissioni di calore e art 674 c p Le molestie che costituiscono una conseguenza indiretta e non diretta della emissione di fumi attraverso la canna fumaria quali conseguenza del riscaldamento della predetta canna fumaria e della propagazione del calore attraverso le pareti in cui è incorporata nell'appartamento confinante non rientrano nell'ipotesi sanzionata dall'articolo 674 c p Al contrario, l'art 844 c c espressamente annovera tra gli elementi, potenzialmente idonei a recare molestie, le immissioni di calore, allorché superino la normale tollerabilità, non menzionate invece nella fattispecie penale, sicché risulta evidente che il fenomeno predetto non è riferibile alla esistenza di interessi collettivi, la cui tutela giustifica l'intervento sanzionatorio dello Stato, ma riguarda esclusivamente il libero godimento del diritto di proprietà, la cui compressione consente il ricorso agli strumenti di natura privatistica che sono posti a tutela di tale diritto

Avvocatura: il cnf Approva la Riforma Della Professione
Fonte: Iusreporter, Notizie Giuridiche

Bonus anche per il computer L'abc degli incentivi
Fonte: Il Sole 24 Ore, Norme e Tributi
Bonus anche per il computer L'abc degli incentivi Auto, veicoli commerciali leggeri, motocicli, arredamento, a in Gazzetta Ufficiale l'11 febbraio il decreto …

Bozza regolamento Sulle modalita' di affidamento dei servizi pubblici locali
Fonte: Giurdanella, Diritto Amministrativo

Cassazione: Dire alla moglie "Ti tolgo i bambini" non è minaccia
Fonte: Andreani's Bookmark, Sentenze della Cassazione
Secondo i giudici, "le espressioni incriminate furono pronunciate dopo aver preannunciato alla moglie - con la quale esisteva un acceso contrasto per l'affidamento dei figli minori - che stava per depositare un ricorso al tribunale per i minorenni per ottenerne l'affidamento… - From: www ansa it - Indexed by avvocatoandreani on del icio us

Cassazione: i debitori che pagano vanno immediatamente cancellati dal registro dei protesti
Fonte: Andreani's Bookmark, Sentenze della Cassazione
From: www rainews24 rai it - Indexed by avvocatoandreani on del icio us

Cassazione: intercettazioni con ascolto remotizzato? Sono lecite
Fonte: Studio Cataldi, Novità Sentenze
La Seconda Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent n 8578/2009) ha stabilito che sono utilizzabili le intercettazioni, con ascolto remotizzato, scaricate su dvd presso gli uffici della polizia giudiziaria La Corte ha quindi ribadito che so…

Cassazione: misure cautelari e "impermeabilità" del Processo Penale alle norme ordinamentali
Fonte: Studio Cataldi, Novità Sentenze
Con la sentenza n 8388/09, le Sezioni Unite penali, in materia di misure cautelari, hanno stabilito che permane l'interesse dell'imputato a impugnare il provvedimento cautelare per l'eventuale esercizio del diritto all'equa riparazione per ingiusta d…

Corte Costituzionale: Ordinanza n 65 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Sicurezza pubblica - Violazioni nella produzione, importazione, distribuzione e installazione di apparecchi da gioco (art 110, co 9, regio decreto n 773/1931) - Intervenuta depenalizzazione - Inapplicabilità alle violazioni commesse anteriormente; Disciplina dell'esercizio dell'attività di gioco o scommessa - Contrasto con la normativa comunitaria, direttiva 98/34/CE PER QUESTI MOTIVI LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 1, comma 547, della legge 23 dicembre 2005, n 266 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2006), sollevata, in riferimento agli artt 3 e 25 della Costituzione, dal Tribunale di Lucera, sezione distaccata di Apricena, con l'ordinanza indicata in epigrafe; dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 110 del regio decreto 18 giugno 1931, n 773 (Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza), sollevata, in riferimento all'art 117, primo comma, della Costituzione, dallo stesso Tribunale di Lucera, sezione distaccata di Apricena, con l'ordinanza indicata in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Giuseppe TESAURO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il CancelliereF to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 66 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Reati e pene - Codice in materia di protezione dei dati personali - Trattamento illecito di dati - Trattamento dei dati relativi alla corrispondenza epistolare nell'esercizio di attività giornalistica - Previsto esonero dal consenso dell'interessato per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 137, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), sollevata, in riferimento all'art 15 della Costituzione, dal Tribunale di Roma con l'ordinanza in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Ugo DE SIERVO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il CancelliereF to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 67 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Straniero e apolide - Espulsione amministrativa - Delitto di trattenimento, senza giustificato motivo, nel territorio dello Stato, in violazione dell'ordine di allontanamento impartito dal questore - Previsione dell'arresto obbligatorio anziché facoltativo per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell'art 14, comma 5-quinquies, del decreto legislativo 25 luglio 1998, n 286 (Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero), come sostituito dall'art 1, comma 6, del decreto-legge 14 settembre 2004, n 241 (Disposizioni urgenti in materia di immigrazione), convertito, con modificazioni, dalla legge 12 novembre 2004, n 271, sollevata, in riferimento agli artt 3 e 13 della Costituzione, dal Tribunale di Paola, sezione distaccata di Scalea, con l'ordinanza in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Gaetano SILVESTRI, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il CancelliereF to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Ordinanza n 68 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Processo penale - Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace - Competenza per materia determinata dalla connessione - Ipotesi di persona imputata di più reati commessi con più azioni od omissioni esecutive di un medesimo disegno criminoso - Esclusione della connessione tra procedimenti di competenza del giudice di pace e procedimenti di competenza di altro giudice; Reati commessi da più persone in danno reciproco le une con le altre - Mancata previsione quale ipotesi di spostamento della competenza determinata dalla connessione per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell'art 6, comma 1, del decreto legislativo 28 agosto 2000, n 274 (Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace, a norma dell'articolo 14 della legge 24 novembre 1999, n 468), sollevata, in riferimento agli artt 3, 25 e 111 della Costituzione, dal Giudice di pace di Viterbo con l'ordinanza indicata in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Giuseppe FRIGO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il CancelliereF to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Sentenza n 61 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Ambiente - Norme della Regione autonoma Valle d'Aosta - Rifiuti - Nozione - Condizioni per le quali i materiali inerti da scavo non costituiscono rifiuti; Gestione dei materiali inerti da scavo che non costituiscono rifiuti; Realizzazione ed esercizio delle aree di stoccaggio attrezzate dei materiali inerti da scavo - Esclusione delle procedure autorizzative di cui al codice dell'ambiente; Centri comunali di conferimento dei rifiuti urbani - Esclusione dell'autorizzazione e previsione che le operazioni di conferimento non sono considerate quali operazioni di recupero o di smaltimento Ubicazione delle aree di stoccaggio attrezzate - Preferibile coincidenza con i siti dismessi già adibiti ad attività di estrazione di materiali inerti - Possibilità che in tali casi la gestione dei materiali inerti da scavo sia assicurata anche avvalendosi dei soggetti gestori di detti impianti per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE riuniti i giudizi; dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art 14, commi 1, 2, 3 e 6, della legge della Regione Valle d'Aosta 3 dicembre 2007, n 31 (Nuove disposizioni in materia di gestione dei rifiuti); dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art 64 della legge della Regione Valle d'Aosta 13 marzo 2008, n 5 (Disciplina delle cave, delle miniere e delle acque minerali naturali, di sorgente e termali); dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art 21 della suddetta legge della Regione Valle d'Aosta n 31 del 2007 sollevata, in riferimento all'art 117, primo comma, della Costituzione ed all'art 2, primo comma, della legge costituzionale 26 febbraio 1948, n 4 (Statuto speciale per la Valle d'Aosta), nonché in riferimento all'art 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, in relazione al punto R 13 dell'allegato C ed al punto D15 dell'allegato B del decreto legislativo 3 aprile 2006, n 152 (Norme in materia ambientale), dal Presidente del Consiglio dei ministri con il ricorso indicato in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Paolo MADDALENA, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Sentenza n 62 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Militari - Sottufficiali dell'esercito, della marina e dell'aeronautica e militari di truppa in servizio permanente (caso di specie) - Procedimento disciplinare - Previsione della facoltà del Ministro di discostarsi, in casi di particolare gravità, dal giudizio della Commissione di disciplina, anche a sfavore dell'incolpato per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art 75 della legge 31 luglio 1954, n 599 (Stato dei sottufficiali dell'Esercito, della Marina e dell'Aeronautica), limitatamente alle parole e, soltanto in casi di particolare gravità, anche a sfavore Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Paolo Maria NAPOLITANO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Sentenza n 63 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Infortuni sul lavoro e malattie professionali - Crediti da risarcimento del danno differenziale subito dal lavoratore in conseguenza di infortunio sul lavoro, vantati nei confronti di datore di lavoro dichiarato fallito - Azione diretta del lavoratore nei confronti dell'assicuratore del datore di lavoro - Mancata previsione secondo il "diritto vivente" PER QUESTI MOTIVI LA CORTE COSTITUZIONALE dichiara l'inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 1917, secondo comma, del codice civile, sollevata, in riferimento agli artt 3, 24, 35 e 111 della Costituzione, dalla Corte di cassazione con l'ordinanza in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Luigi MAZZELLA, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il Cancelliere F to: FRUSCELLA

Corte Costituzionale: Sentenza n 64 anno 2009
Fonte: Corte Costituzionale, Sentenze della Consulta
Processo penale - Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace - Casi di connessione - Mancata previsione della connessione di procedimenti nella ipotesi in cui una persona sia imputata di più reati commessi con più azioni od omissioni esecutive di un medesimo disegno criminoso Competenza per materia determinata dalla connessione - Ipotesi di persona imputata di più reati commessi con più azioni od omissioni esecutive di un medesimo disegno criminoso - Esclusione della connessione tra procedimenti di competenza del giudice di pace e procedimenti di competenza di altro giudice per questi motivi LA CORTE COSTITUZIONALE riuniti i giudizi, 1) dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art 6, comma 1, del decreto legislativo 28 agosto 2000, n 274 (Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace, a norma dell'articolo 14 della legge 24 novembre 1999, n 468), sollevate, in riferimento agli artt 3, 24 e 97 della Costituzione, dal Tribunale di Montepulciano, e in riferimento agli artt 3 e 111, secondo comma, della Costituzione, dal Tribunale di Velletri, sezione distaccata di Albano Laziale, con le ordinanze indicate in epigrafe; 2) dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 6, comma 1, del decreto legislativo n 274 del 2000, sollevata, in riferimento all'art 111 della Costituzione, dal Tribunale di Montepulciano con l'ordinanza indicata in epigrafe; 3) dichiara la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale dell'art 7 del decreto legislativo n 274 del 2000, sollevata, in riferimento agli artt 3, 24, 97 e 111 della Costituzione, dal Tribunale di Montepulciano con l'ordinanza indicata in epigrafe Così deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 25 febbraio 2009 F to: Francesco AMIRANTE, Presidente Giuseppe FRIGO, Redattore Maria Rosaria FRUSCELLA, Cancelliere Depositata in Cancelleria il 5 marzo 2009 Il CancelliereF to: FRUSCELLA

È inammissibile il ricorso avverso il silenzio-rifiuto in materia non attinente alla giurisdizione amministrativa
Fonte: Miolegale, Notizie
Consiglio di Stato, sez V, 25 febbraio 2009, n 1116

Finita locazione commerciale: l'indennità per la perdita dell'avviamento è dovuta anche se l'impresa non aveva un'insegna
Fonte: Studio Di Ruggiero, Notizie Giuridiche
In caso di licenza per finita locazione di immobile adibito ad uso diverso e, nello specifico, utilizzato come sede dell'impresa, può il conduttore richiedere l'indennità per la perdita dell'avviamento anche in assenza di ' insegne o altri mezzi di richiamo, atti a convogliare il casuale cliente'? La Corte di cassazione ha dato risposta affermativa 'Il legislatore ha […]

Giudice di Pace di Lecce: si può non ricordare i dati del conducente al momento della violazione
Fonte: Filodiritto, Notizie Giuridiche

In Gazzetta La legge Brunetta 'antifannulloni', 4 marzo 2009 numero 15
Fonte: Giurdanella, Diritto Amministrativo

In libreria: La normativa essenziale di sicurezza e salute sul luogo di lavoro
Fonte: Studio Cataldi, Notizie Giuridiche
Una guida completa per la corretta e veloce consultazione di tutti i principali provvedimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro La nuova edizione del volume contiene il D Lgs 81/08, nonché tutte le leggi e gli articoli di leggi non abroga…

Inail, Inps e Inpdap verso la 'casa del welfare'
Fonte: Miolegale, Notizie
Procede il cammino delle sinergie tra i tre maggiori istituti …

Inps, la nuova articolazione territoriale dell'Istituto
Fonte: La Previdenza, Notizie
Inps, Circolare 4 3 2009 n 37

Invalidi civili: varato il decreto per la realizzazione di 200 000 verifiche sul diritto alle prestazioni o alla revoca della patente di guida
Fonte: La Previdenza, Notizie
Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, Decreto 29 1 2009 - G U n 52 del 4 3 2009

Lavoro: futuro a rischio per 400 mila precari
Fonte: Studio Legale Mei e Calcaterra, Notizie Giuridiche
La crisi finanziaria ed economica non accenna a finire in tutto il mondo, e nel frattempo per l'occupazione il periodo non è di certo dei migliori, neanche nel nostro Paese In particolare, nel solo settore della Pubblica Amministrazione, sono ben 400 mila i lavoratori con contratto di lavoro a termine che in Italia Il dato, nello […]

Le "anti-suit injunctions" nel common law
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Articolo di Danilo Desiderio 26 02 2009

Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonche' in tema di atti persecutori
Fonte: La Previdenza, Notizie
Decreto legge 23 2 2009 n 11

Non può essere licenziato il lavoratore che sbaglia a battere lo scontrino
Fonte: Studio Legale Mei e Calcaterra, Notizie Giuridiche
Cass Sez lavoro sentenza n 4368/09 Secondo la Corte di Cassazione il fatto che il lavoratore abbia errato nel battere uno scontrino "non costituisce lesione del vincolo fiduciario a causa della mancanza di prova della malafede' Può essere, infatti, applicata una sanzione disciplinare, ma non si può di certo giustificare il licenziamento Il fatto può dipendere infatti […]

OGM: i cittadini hanno diritto di sapere dove sono i terreni di sperimentazione
Fonte: Miolegale, Notizie
Corte di giustizia CE, 17 febbraio 2009, C 552-07

Privacy del lavoratore
Fonte: Studio Legale Mei e Calcaterra, Notizie Giuridiche
Il Garante per la Protezione dei Dati Personali con la News-Letter n 320 del 2 Marzo 2009 comunica che il datore di lavoro non può utilizzare dei sistemi di identificazione biometrica dei lavoratori basati sulla rilevazione delle impronte digitali, per controllare la presenza e gli orari di entrata e di uscita dei dipendenti, a meno che […]

Privacy ed Intercettazioni: non Solo Telefonate Roma, 31/03/2009
Fonte: Iusreporter, Notizie Giuridiche

Processo civile: approvata la riforma che snellisce le procedure e garantisce efficienza al processo
Fonte: Miolegale, Notizie
'Si tratta di una vittoria straordinaria che assicura una forte …

Registro degli operatori di comunicazione: modificato il regolamento
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
AGCOM, deliberazione 26 11 2008

Rifiuti Ecopiazzole
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Non c'e` pace per le cd "ecopiazzole" Vincenzo PAONE

Rifiuti Iscrizione Albo e ritardato pagamento del diritto annuale
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Cass Sez III n 9490 del 3 marzo 2009 (Ud 29 gen 2009) Pres Onorato Est Teresi Ric Scocca Rifiuti Iscrizione Albo e ritardato pagamento del diritto annuale Sia per le imprese soggette alla procedura ordinaria d'iscrizione nell'Albo regionale sia per quelle ammesse alla procedura semplificata dell'iscrizione nel registro provinciale, il ritardato pagamento del diritto annuale non comporta sospensione automatica

Rifiuti Trasporto in conto proprio
Fonte: Lexambiente, www.lexambiente.it
Cass Sez III n 9465 del 3 marzo 2009 (Cc 25 nov 2008) Pres Lupo Est Fiale Ric Bertolino Rifiuti Trasporto in conto proprio Alla stregua già delle previsioni originarie dell'art 212 del D Lgs n 152/2006 nell'originaria formulazione, deve ritenersi che una società qualora risulti dimostrato che esse non effettua la raccolta e il trasporto di propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare [ovvero con operazioni non costituenti, secondo la più recente normativa, parte integrante ed accessoria dell'organizzazione dell'impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti] - non è tenuta all'iscrizione nell'apposita sezione dell'Albo nazionale dei gestori ambientali Ciò non comporta, però, che detta impresa societaria possa effettuare eventuali trasporti sporadici di rifiuti propri non pericolosi (cioè sostanzialmente un'attività di gestione, sia pure non sistematica e continuativa, dei rifiuti medesimi) senza alcun controllo Per tali trasporti eccezionali, invece, la società medesima si dovrebbe avvalere delle prestazioni di imprese esercenti servizi di smaltimento regolarmente autorizzate ed iscritte all'Albo, mentre l'esecuzione del trasporto di rifiuti con mezzi propri e non autorizzati è comunque inquadrabile nella previsione sanzionatoria di cui all'art 256, l° comma, del D Lgs n 152/2006

Riflessioni sul lavoro domenicale Conflitti tra riposo settimanale ed il sinallagma tra prestazione e controprestazione
Fonte: Studio Legale Mei e Calcaterra, Notizie Giuridiche
Articolo del Dott Carlo Teri - Ispettore del lavoro La delicata problematica che ha interessato l'istituto del riposo settimanale sin dalla nascita della legge del 1934 che lo ha disciplinato é stata sempre oggetto di grande attenzione da parte di giuristi e spendita giurisprundenziale per l'evidente dinamica attivata in relazione all'evoluzione produttiva dei settori che hanno […]

Risarcimento del danno per la ritardata attuazione del diritto di assunzione presso pp aa legalmente previsto
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Cassazione civile , sez III, sentenza 17 04 2008 n° 10111 (Arcangelo G Annunziata )

Strumenti legittimi per la tutela delle strade ad uso pubblico
Fonte: Altalex, Notizie Giuridiche
Consiglio di Stato , sez V, decisione 08 01 2009 n° 25 (Alessandro Del Dotto )

Vendite allo scoperto: divieto prorogato, senza modifiche, fino al 31 maggio 2009
Fonte: Miolegale, Notizie
La Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob) ha …